30.03.2021

Innovative payments, un'onda che non si può fermare

30.03.2021

Innovative payments, un'onda che non si può fermare

Il sesto Rapporto della Community Cashless Society su abitudini di consumo e stato dei pagamenti in Italia: la strada per abbattere l’uso del contante è lunga ma nei prossimi 5 anni gli e-payments aumenteranno del 12,7% all’anno.

Nonostante i miglioramenti degli ultimi anni e le iniziative istituzionali per invertire la tendenza, lo scambio di contante regna sovrano in Italia.
Non per nulla è la 33esima economia al mondo per incidenza del cash sull’economia, come confermato dai dati di Bankitalia, il cui stato patrimoniale  mostra un passivo di banconote in circolazione pari a 201,6 miliardi di euro, in aumento rispetto ai 198,1 miliardi a chiusura di bilancio nel 2018.Nel 2008 il valore delle banconote in circolazione era di 127,9 miliardi, il che significa che in 11 anni il cash circolante è aumentato del 57%.

Una sfida in più per la Community Cashless Society di cui Argentea è partner assieme ai principali attori della filiera dei pagamenti. Anche quest’anno, la piattaforma, attivata da The European House – Ambrosetti, ha fornito spunti di riflessione sull’evoluzione degli innovative payments e ha offerto soluzioni per migliorarne il trend. Non va sottovalutata infatti l’accelerata che l’emergenza da Covid ha impresso sulle abitudini di consumo e sulle modalità di acquisto degli italiani.

I risultati dell’analisi 2021 sono stati recentemente raccolti nel sesto Rapporto della Community, considerando anche le novità introdotte dal governo, a partire dal Piano “Italia Cashless” e dal programma del nuovo esecutivo guidato dall’ex presidente della Bce, Mario Draghi.

Ecco allora che, come spiega il dossier, The European House – Ambrosetti stima che nel 2020 “il valore delle transazioni con strumenti di pagamento cashless si ridurrà solo del 2% rispetto al -11,8% registrato nei consumi, con un tasso medio annuo di crescita che raggiungerà il +12,7% nel quinquennio 2021-2025 (a fronte del +10,1% del periodo 2015-2019)”. Una forte leva per il cambiamento è comunque quella dell’e-commerce, stimato a +12,1% nel 2020 e con prospettiva di superare i 100 miliardi di euro entro il 2025. Anche in questo caso aiuta l’andamento storico del settore: nel 2015 il valore del transato era pari al 9,3% del valore delle transazioni con carte di pagamento elettroniche ma si stima che nel giro di dieci anni tale quota raggiungerà il 24%.

Quanto alle abitudini di pagamento, già analizzate nella newsletter di Argentea, dal rapporto della Cashless Society emerge che la percentuale di cittadini che preferirebbe utilizzare le carte o strumenti di pagamento cashless rispetto al contante è aumentata significativamente nell’ultimo anno, passando dal 59,7% nel 2020 al 75,5% nel 2021. Il 67% degli italiani ha aumentato l’utilizzo di strumenti di pagamento cashless negli ultimi mesi rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Si osserva l’effetto più evidente tra i giovani, dove il 78,1% delle persone tra i 18-24 anni e il 73,7% dei cittadini tra i 25-30 anni dichiara di aver utilizzato maggiormente le carte o gli smartphone per i pagamenti. Non meno rilevante, nelle opinioni degli intervistati nella survey, è stato il progetto “Cashback” di Stato, che “ha spinto ad un utilizzo più frequente dei mezzi di pagamento elettronici e il 39% dichiara che ciò ha determinato anche un impatto sull’aumento dei propri consumi”. Secondo gli esperti della Community, “questi numeri evidenziano da un lato l’efficacia della misura nell’avvicinare i cittadini agli strumenti di pagamento cashless e, dall’altro lato, a sostenere la dinamica dei consumi in un periodo di crisi come quello che sta attraversando il Paese”.

Il report completo – https://www.ambrosetti.eu/wp-content/uploads/Rapporto-Community-Cashless-Society-2021.pdf 

#cashlessSociety
#report
#innovativePayments